fbpx

Il concorso

ATHENA Concorso Internazionale dell'Olio d'Oliva

Perché a Kavala?

La coltivazione dell'olivo nell'area più ampia di Kavala è come se fosse da sempre esistita.

La città e allo stesso tempo capitale dell'omonima provincia, si trova nella Grecia settentrionale e dal punto amministrativo appartiene alla regione Macedonia orientale e della Tracia. Contrassegnata dalla storica fortezza che ne domina la sommità, è costruita a forma fi anfiteatro lungo il mare ed è sempre stata un importante crocevia tra Occidente e Oriente, unendo in vario modo popoli, religioni e culture diverse.

Riferimenti nell'Odissea attestano la coltivazione dell'olivo fin dagli anni omerici. Uno dei reperti probatori più sorprendenti, riguardo la produzione di olio d'oliva circa due millenni fa, è un casale scoperto nel villaggio di Argilos nel Comune di Pangaio, nei pressi del sito archeologico di Anfipoli, nella quale esisteva un frantoio completo, con attrezzature e meccanismi (vasca in pietra – trapetum, plinti in argilla con noccioli d'olio, ecc.). Gli archeologi lo collocano nel 1o secolo d.C., mentre l'importanza storica del frantoio è tale che ne è stata costruita una copia fedele che attualmente è esposta nel museo dell'olivo di Sparta. Inoltre, l'antico botanico, gastronomo, dietista, ecc. greco, l’Ateniese Naukratitis, vissuto tra la fine del 2o e l'inizio del 3o secolo d.C., nella suo magnum opus, "Deipnosophistai" opera a trenta volumi, per la specifica regione sono riporta in dettaglio, l'olivo, la vite e il fico come le sue colture più importanti.

Lesbo olivetata
wyh here

Tuttavia, nel corso dei secoli la coltivazione dell'olivo nell'area di Kavala è svanita a causa di disastri, guerre o semplicemente a causa dell'urbanizzazione. A poco a poco, la regione si concentrò su colture più redditizie, come grano e tabacco. I suoi abitanti fecero così un uso più efficiente di questa vasta area fertile e pianeggiante. In effetti, era già stato descritto dallo storico greco Plutarco come "un paese bello e sapiente..." e dal geografo e storico greco Strabone, come "eccellente e fruttuoso" (entrambi il 1o secolo d.C.).

D'altra parte, la citta di Kavala, grazie al suo porto, si è sviluppata anche come hub per il trasporto di prodotti da e verso tutti i paesi del Nord. Di conseguenza, la regione è diventata un forte centro di transito commerciale per tutti i paesi del Mediterraneo. Pertanto, nel XVIII e XIX secolo fu uno dei più grandi centri finanziari internazionali della regione più ampia. Tra i suoi prodotti c'erano l'oro, grazie alle sue miniere, e il tabacco, identificato con la sua storia, sia in termini di produzione e lavorazione, che di commercio. Oggi, infatti, i magnifici edifici architettonici delle fabbriche di tabacco e dei magazzini del tabacco dominano la città, a testimonianza del suo rapporto storico con questo prodotto. Questi edifici ora funzionano come musei o centri culturali ed educativi o ospitano servizi pubblici.

 

 

L'oliveto di Kavala

L'oliveto della più ampia area di Kavala, con due milioni di ulivi e 30.000 acri di uliveto, interessa tre aree, di cui le principali sono quelle del Comune di Pangaio, del Comune di Thassos e (in misura molto più piccola) i Comuni di Nestos e Kavala.

Con una ricca storia olivicola, il Comune di Pangaio ha fatto un forte ritorno all'olivicoltura negli ultimi 15 anni con risultati veramente impressionanti. È considerata la più importante regione olivicola emergente in Grecia, promettente per la qualità del suo olio d'oliva. L'oliveto, come in generale l'oliveto continentale della regione di Kavala, parte quasi a ridosso del mare e si estende lungo le pendici del monte Pangaio, fino a 550 metri di altezza. La zona è famosa per la sua perfetta composizione del suolo, godendo dei benefici di un terroir unico di clima mediterraneo, con influenze continentali, ma presenta l'effetto benefico dei venti marini, che prevalgono rispetto ai freddi venti del nord che calmano la calura estiva. In altre parole, condizioni che hanno un effetto benefico sulla protezione dell'oliva dalle malattie e che contribuiscono alla sua buona maturazione.

Thassos, invece, questa isola verde e bellissima, è una parte della Grecia che si identifica in modo univoco con l'olivo. La varietà locale che porta il suo nome (Oliva di Thassos, Thassos Ntopia, Thassitiki o Thrompa di Thassos) è una monocoltura in tutta l'isola, con duplice funzione, sia come oliva da tavola che come oliva per la produzione di olio d'oliva.

 

Lesbo olivetata
wyh here

Per quanto riguarda le varietà di olivo coltivate nell'area più ampia, Halkidiki e Thassos sono le protagoniste, mentre la varietà Megaritiki copre il 10% e, in misura minore, varie altre varietà. In ogni caso, la regina del nord greco è la varietà Halkidiki oliva di dimensioni impressionanti, la cui destinazione principale è mangiarla come frutto (oliva da tavola) e quindi ha una notevole carriera anche a Kavala.

Negli ultimi anni, tuttavia, la varietà Halkidiki è stata all'avanguardia anche nella produzione del olio d'oliva, grazie alla sua forte personalità gustativa e alle sue spiccate proprietà protettive per la salute del corpo umano. Con fruttato intenso, piccantezza forte e una presenza equilibrata di amarezza, i suoi oli d'oliva possiedono complessità, con caratteristiche aromatiche principali di mandorla verde, foglie di ulivo, foglie di fico, foglie di pomodoro ed erbe fresche.

Per quanto riguarda gli oli d'oliva di Thassos, organoletticamente si caratterizzano come dolci ed equilibrati, con intensità da moderata a lieve di piccante-amaro e aromi di mela rossa, camomilla, fiori secchi e peperone rosso dolce.

Infine, la varietà Megaritiki, originaria dell'Attica, produce oli d'oliva caratterizzati da dolci, aromatici e armonici, con un sapore che punta su aromi di frutti di bosco, foglie verdi e nocciola.

athena olive oil competition logo
athiocc logo

International
Olive Oil
Competition

VINETUM EVENT MANAGEMENT
+30 210 766 0560

Created by all-restaurants | Powered by DataQube